Scuola Primaria – 6-11 anni

La scuola per conoscere la realtà circostante
La scuola Primaria rappresenta la prima esperienza di formazione umana, culturale e sociale del bambino. Attraverso la lettura, la scrittura e ogni forma di operosità razionale conosce la realtà e sviluppa la consapevolezza di sè; attraverso le varie discipline nutre e soddisfa la sua naturale curiosità. Al centro scolastico San Giuseppe ci adoperiamo per individuare le sue attitudini personali e lo accompagniamo ad appassionarsi al mondo in modo creativo.

Adottiamo il “metodo stellare” che prevede un insegnante unico supportato da specialisti in musica, motoria, informatica, religione, inglese.

Natura
La scuola elementare è il primo ambito educativo per la formazione umana, culturale e sociale del bambino. La costante presenza della maestra guida e accompagna il bambino nell’esperienza scolastica e gli offre gli strumenti basilari della lettura, della scrittura e della operosità razionale. Il fine del percorso didattico è di educare il bambino ad aprirsi a tutta la realtà, ricca e complessa. Per dare maggiore efficacia a questo percorso, la classe è affidata ad un’unica maestra, anche se aiutata da qualche specialista.

Criteri educativi
EDUCAZIONE COME INTRODUZIONE ALLA REALTÀ TOTALE
La realtà, in ogni sua dimensione, è all’origine del processo educativo. Il compito della maestra è di favorire, sollecitare, insegnare questo rapporto con la realtà, senza mai pretendere di sostituirsi ad essa come termine di paragone ultimo. Così lei diventa per il bambino colei che ha già mosso i primi passi nella realtà e che, quindi, è ragionevole seguire.

Ipotesi Esplicativa
La realtà è conosciuta quando ne viene affermato il senso, che stabilisce i nessi fra cosa e cosa. Introdurre alla realtà significa offrire un’ipotesi esplicativa unitaria, ipotesi desunta dall’antropologia cristiana, che ispira l’esperienza educativa delle Scuole San Giuseppe. Tale ipotesi deve essere compresa, lealmente assunta, liberamente seguita e paragonata all’insieme delle esigenze personali e sociali.

Una proposta da seguire e da verificare
Nell’introduzione alla realtà il bambino sviluppa la conoscenza del mondo esterno e di sé. Il processo educativo valorizza le attitudini e le capacità di ciascuno, nel rispetto dei tempi personali.

La conoscenza della realtà diviene occasione di crescita equilibrata, di positivo rapporto con l’ambiente e segna la strada della consapevolezza di sé e dell’autocoscienza.

 

DIMENSIONI FONDAMENTALI DELLA CRESCITA

La Tensione alla Conoscenza della Verità
La tensione a scoprire, riconoscere e accettare la verità, fine di ogni conoscenza, rivela un atteggiamento autenticamente umano ed intellettualmente libero. La verità infatti è oggetto di conoscenza razionale e di affezione. Essa non è un’idea astratta, ma rappresenta lo svelarsi di come stanno le cose e interpella il rapporto che la singola persona ha con la realtà stessa. La scuola rende esperti gli alunni sia dei diversi metodi di approccio che la realtà richiede per essere conosciuta sia dei diversi linguaggi e strumenti di cui le differenti discipline si servono.

La Libertà e la Moralità
Una proposta educativa favorisce e si affida alla libertà della persona, di cui sollecita la responsabilità e accoglie le differenti modalità di risposta. Nel campo educativo, la libertà si configura come adesione all’ipotesi che l’insegnante propone. L’amore alla libertà mette al centro la persona e la sua moralità, implicata e richiesta in ogni momento del processo educativo sia sul piano conoscitivo (per il riconoscimento disinteressato della verità) sia sul piano esistenziale (per l’implicazione sulle proprie scelte).

La Dimensione Comunitaria
Una persona cresce tanto più liberamente quanto più è in grado di sviluppare le dimensioni e i rapporti che la costituiscono. Per questo la comunità è dimensione della persona, non fenomeno estrinseco, perciò essa ha importanza sotto l’aspetto conoscitivo e sotto l’aspetto morale. La vita comunitaria è infatti origine di conoscenza e di cultura, sia perché la vita comunitaria sostiene e rende possibile la moralità come habitus sia perché aiuta la persona a permanere nella posizione di continua domanda, cioè di viva coscienza della realtà.

 

ATTIVITÀ

  • INGLESE (7 ore settimanali con insegnante, con madrelingua e discipline didattiche in inglese)
  • MUSICA
  • INFORMATICA
  • TEATRO
  • STUDIO ASSISTITO
  • DANZA ORIENTALE
  • CORSI DI MUSICA
  • ORARIO: Dalle 8:10 alle 14:00 dal LUNEDÌ al VENERDÌ Più due pomeriggi fino alle 16:00

Tre pomeriggi facoltativi sono dedicati allo studio assistito, a corsi di perfezionamento di inglese, danza orientale, teatro, propedeutica musicale, corsi di strumenti musicali.

 

Scarica l’allegato per vedere la presentazione della Scuola Primaria e Secondaria di Primo grado

 

Allegati