Buona Pasqua!

Carissimi Docenti, Alunni/e, Personale non docente

Stimati Genitori

La Pasqua, con il suo annuncio che un Uomo, Cristo, ha vinto la morte, genera un fiotto di speranza nel cuore affranto dei viventi. Come coglie bene la condizione una preghiera della Chiesa, che recita: Guarda, o Dio, l’umanità sfinita per la sua debolezza mortale…”. In un’altra preghiera esprime il fondamento della speranza: O Dio che in modo mirabile ci hai creati a tua immagine e in modo ancor più mirabile ci hai rinnovati e redenti, donaci di essere partecipi della vita divina di Cristo tuo Figlio…”. Questa è la Pasqua: la vita non abbandonata a se stessa, non irrimediabilmente incatenata nella spirale di male che sembra coprire il mondo, ma una vita, mia e di ognuno, in qualunque condizioni si trovi, rinnovata, definitivamente salvata. Gesù è morto e risorto per questo, per noi! 

Riusciremo noi docenti, genitori, educatori, a comunicare in modo affascinante questa speranza ai nostri figli e alunni? Aiutiamoci perché in questo modo potremo contribuire a salvare in loro il gusto della vita, il diritto alla speranza dei loro cuori, la bellezza della loro esistenza. 

Nella mostra “Vogliamo tutto. 1968-2018”, che la nostra scuola ha proposto alla città la scorsa settimana, ho letto una frase, ve la riporto, che Vittorio Bachelet ha detto nel 1958: 

«È necessaria la fatica della preparazione, l’educazione delle doti personali (…) soprattutto la partecipazione viva al travaglio dell’umanità nel momento storico in cui si trova a vivere e a operare. Senza questa immersione (nel mondo, pur senza diventare del mondo) si finisce per predicare un cristianesimo astratto, molto simile a quella interpretazione farisaica della legge, così distante dalle sofferenze e dalle aspirazioni degli uomini».

Aiutiamo i nostri ragazzi a crescere con questa passione nel cuore, pieni di quella febbre di vita che permetta loro di essere protagonisti liberi e coraggiosi nella loro esistenza. 

Buona Pasqua. 

Don Guido Randon

Maestra Daniela Zonta

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *